Google Translate
Italian Chinese (Traditional) Dutch English French German Japanese Portuguese Russian Spanish

Itinerario 4 - Anello di Serra Carpineto

Campo di Giove (Baita degli Alpini) - Serra Carpineto - Lago Ticino - Campo di Giove

emergenze faunistiche Orso Bruno, Lupo, Cervo, Capriolo, Scoaiattolo, picchi e avifauna di bosco
difficoltà T
tempo percorrenza 2h30’- 3h di cammino
dislivello 140 m in salita - 140 m in discesa con saliscendi
lunghezza 7 km
waypoint wp_4_1 a wp_4_1
periodo consigliato tutto l’anno
segnaletica segnali gialli pista sci di fondo solo in alcuni tratti
approvv. Idrico abitato di Campo di Giove; bar Lago Ticino (quando aperto).
località partenza abitato di Campo di Giove c/o località Baita degli Alpini.
località di arrivo abitato di Campo di Giove c/o località Baita degli Alpini.
punti di osservazione la pineta sopra la baita degli alpini e tutte le radure che si incontrano sono ottime all’alba e al tramonto.
note percorso vicino al paese in agosto talvolta troppo affollato
IconaPdf redsfumato scarica la scheda in italiano e inglese
IconaGpx redsfumato Iconakml redsfumato scarica la traccia in formato GPX e KML

Descrizione itinerario: presso la Baita degli Alpini (vicino alla stazione ferroviaria di Campo di Giove) camminate in direzione della piccola baita (wp_4_1). Un tempo qui c’era un breve skilift che saliva in cima al colle. Lasciate la baita alla vostra dx e salite lungo un piccolo sentiero all’interno della pineta. Dopo pochi metri si incontra un sentiero più evidente. Imboccatelo girando a sx (andando a dx si raggiunge in breve il trampolino di salto in pietra, un tempo servito dallo skilift). Percorrete un breve tratto in saliscendi, quindi percorsi 400 m dalla partenza (5’ di cammino) incontrate un bivio (wp_4_2), dovete imboccare il piccolo sentiero e salire a dx. Il bosco intorno a noi è composto da pini (Pinus nigra; Pinus sylvestris) e abeti (Picea abies). Questa pineta è un ottimo punto per osservare gli scoiattoli (Sciurus vulgaris meridionalis), diverse specie di picchi, il Capriolo e il Gufo comune (Asio otus).
Si costeggia una radura cespugliosa, bel panorama su Campo di Giove e il M. Amaro in lontananza, quindi si sale dolcemente.
15’ dopo la partenza uscite dalla pineta e raggiungerete la sommità di un colle (wp_4_3). Il panorama è incredibilmente bello da questa piccola altura così vicina al paese.
Questo colle è un ottimo posto per l’osservazione degli animali all’alba e al tramonto. Questo, come gli altri colli che percorrerete lungo il presente itinerario, sono depositi morenici che un tempo si trovavano sul fronte di un enorme ghiacciaio del Quaternario che scendeva dalla Majella. L’altopiano che si stende a S di Campo di Giove, sul cui fondo sorge il piccolo Lago Ticino, un tempo non troppo lontano era occupato da un grande acquitrino, di estensione e profondità variabile di anno in anno, che era l’ultimo residuo di un lago morenico.
Procedete in direzione SE (qui manca il sentiero) ma presto si incontra una strada per jeep: la seguiamo girando a sx in discesa fino alla base del colle. Qui incontrate il sentiero L (Sentiero della Libertà) (wp_4_4) ma non lo dovete percorrere, girate a sx in corrispondenza del segnale in legno (direzione E) verso la pineta che costeggia la linea ferroviaria. Costeggiate una vecchia recinzione, e giunti nei pressi della pineta si girate intorno ad un piccolo colle. Dopo un breve tratto in leggera discesa raggiungerete un canalone sassoso (wp_4_5) che scende in direzione di un ponte della ferrovia. Dovete attraversare questo canale e proseguire su uno stretto sentiero che sale a sx, passa accanto ad alcune basse rocce, ed entra nel giovane bosco di faggio. Qui il sentiero sale ripido. 40’ dopo la partenza raggiungerete una grande radura (ottimo posto per Wildlife Watching all’alba e al tramonto). Dovete attraversarla seguendone il margine sinistro. Intorno a noi i resti di quelli che solo 50 anni fa erano campi coltivati, delimitati da muretti a secco e costruzioni tipo tholos. Oggi la vegetazione selvatica sta recuperando lo spazio che un tempo gli agricoltori locali avevano strappato al bosco faticosamente. Attraversata la radura, il sentiero passa su un cumulo di pietre (wp_4_6), scende qualche metro e presto torna a salire nel bosco.
50’ dopo la partenza raggiungerete la sommità del colle a circa 1200 mlm e presto incrociate una grande strada sterrata. Dovete seguire questa strada a sx (direzione E), passare vicino ad un edificio verde e presto scendere gradualmente. 1h 10’ dopo la partenza raggiungete un incrocio di strade (wp_4_7) a quota 1190. Qui dovete imboccare la strada sterrata che scende in direzione NE (non quella più ripida e scomoda che scende in direzione N e neppure la strada che si dirige a S).
Presto si trova un altro incrocio di strade, qui dovete girare decisamente a sx e seguire in discesa il tracciato della pista di fondo in direzione NW verso un ponte della ferrovia (wp_4_8) che potete vedere più in basso. Passate sotto il ponte e dopo circa 30 mt trovate un bivio: potete percorrere entrambe le strade perché più a valle si ricongiungono. Noi consigliamo di seguire quella a sx. Raggiungete presto un’ampia radura che dovete costeggiare e sul fondo della conca trovate delle pozze di acqua utilizzate spesso dagli animali selvatici (questa radura è un altro ottimo punto per il Wildlife Watching all’alba e al tramonto). Tornate a salire qualche metro lungo la strada sterrata, lasciate alla vostra sx un altro ponte della ferrovia e continuate a scendere lungo la strada principale evitando le deviazioni a sx e a dx. Alla vostra sx una roccia (chiamata Roccia delle Balle). Passate vicino ad un ranch e presto raggiungete il Lago Ticino.
Proseguite sulla strada che costeggia il lago. Dopo 2h di cammino dalla partenza raggiungerete le prime case del paese (wp_4_9). Proseguite diritto su via del Lago, lasciate a sx via Publio Ovidio Nasone, a questo punto siete in paese. Per raggiungere il centro (Piazza A. Duval) proseguite su via San Rocco quindi girate a sx e imboccate via Berardino De Vincentiis che dovete seguire fino alla stazione di Campo di Giove ed oltre sino al ponte ferroviario, passate sotto l’arcata e presto giungete al punto di partenza (Baita degli Alpini).

Altitudine min 1055 m
Altitudine max 1211 m
Dislivello in salita 403 m
Dislivello in discesa 394 m
Way Points 9
Punti traccia 149
Velocità massima 6.12 km/hr
Velocità media 2.58 km/hr
Distanza totale 6.92 km
Tempo totale 2h 41m 03s
Punti Rotta 0
# Altitudine Distanza parziale Distanza Velocità Tempo parziale
1 1067 m 0 km 0 km N/A N/A
2 1114 m 0.33 km 0.33 km 2.92 km/hr 00:06:52
3 1115 m 0.45 km 0.78 km 2.74 km/hr 00:09:50
4 1100 m 0.26 km 1.04 km 2.3 km/hr 00:06:42
5 1109 m 0.18 km 1.22 km 1.66 km/hr 00:06:29
6 1175 m 0.59 km 1.8 km 2.52 km/hr 00:13:57
7 1188 m 1.04 km 2.85 km 2.41 km/hr 00:26:07
8 1128 m 0.3 km 3.15 km 1.69 km/hr 00:10:34
9 1060 m 2.08 km 5.23 km 1.94 km/hr 01:04:24
/index.php/wildlife-watching/gli-itinerari
/index.php/wildlife-watching/gli-itinerari/report_track/11
google.maps.MapTypeId.HYBRID 1 google.maps.MapTypeControlStyle.DEFAULT 1 1 1 1 1 2 #0000FF Distanza Altitudine Velocità Heart Rate Distance: {0} {2} Elevation: {1} Distance: {0} {2} Speed: {1} Distance: {0} {2} Heart Rate: {1}