Google Translate
Italian Chinese (Traditional) Dutch English French German Japanese Portuguese Russian Spanish

Cinghiale

uomo cinghiale  
Lunghezza cm 120/180
Altezza al garrese
cm 70/100
Peso Kg 70/170
Segni di presenza escrementi, scavi
IconaPdf redsfumato Scarica la scheda in italiano ed in Inglese

cinghiale 01

Il Cinghiale è una specie di maiale selvatico tipico delle foreste di tutta Europa. Esistono diverse sottospecie molto simili per dimensioni e aspetto, che si distinguono per alcune variazioni nel colore del mantello. Questo mammifero è estremamente adattabile e frequenta una varietà di habitat differenti, mangia quasi tutto ciò che riesce a trovare, è veloce negli spostamenti ed è un ottimo nuotatore.
Il Cinghiale è un mammifero di medie dimensioni con grande testa e corpo relativamente affusolato; possiede un mantello costituito da due strati di pelo, uno superiore più duro ed ispido (setole) ed un sottopelo più morbido. I peli erettili che ha sulla schiena possono formare una sorta di cresta quando è eccitato. Il colore del mantello varia dal marrone al nero, al grigio, al rosso scuro. A causa dei suoi occhi piccoli è dotato di una vista molto debole, compensata da un olfatto eccellente dovuto al lungo e rettilineo setto nasale.
I cinghiali sono animali semi-notturni che si muovono prevalentemente al buio per cercare cibo. Passano le ore diurne a dormire in un nascondiglio tra le foglie e i cespugli ed iniziano a muoversi al crespuscolo. I branchi, che nel Parco Nazionale della Majella possono contenere più di 60 individui, consistono di femmine riproduttrici con i loro piccoli; diversi branchi possono coesistere sullo stesso territorio, anche se generalmente tendono a non mescolarsi. I maschi trascorrono lontano dalle femmine la maggior parte dell’anno, con l’eccezione del periodo riproduttivo quando possono essere osservati spesso in prossimità dei branchi.
La femmina di cinghiale partorisce 4-9 suinetti in un nido rivestito di foglie, erbe e muschio, nascosto all’interno dei cespugli più fitti. La madre resta con i suoi maialini solidamente per le prime due settimane per proteggerli dai predatori. I cinghialetti hanno un mantello assai caratteristico, marrone chiaro, con strisce marrone scuro che corrono su tutta la schiena. Questa colorazione tende a scomparire con la crescita, intorno ai 3 mesi di età. A circa 7 mesi di età sono indipendenti ed hanno il caratteristico mantello rossiccio. Raggiungono la colorazione degli adulti quando compiono un anno.
Il cinghiale è un mammifero onnivoro che si nutre principalmente di piante, radici e bulbi. In realtà, mangia quasi tutto ciò che si adatta alla sua bocca e può integrare la propria dieta con uova, vermi, topi, lucertole e persino serpenti. I cinghiali possono anche mangiare le carogne che trovano nel loro territorio.
Nel Parco Nazionale della Majella ed in altre aree dell’Appennino i cinghiali vengono spesso uccisi dai lupi, che scelgono per lo più giovani suini di circa 15-25 kg di peso. Nonostante la predazione da parte del Lupo i cinghiali sono aumentati rapidamente sulla Majella ed in tutto l’areale, anche grazie a discutibili reintroduzioni effettuate con animali provenienti dall’estero (Europa centrale ed orientale) per l’attività venatoria.